Belvedere

Zona della Battagliera

Belvedere del concentrico, il nome rievoca il luogo in prossimità del Castello, in cui fin dal periodo medioevale si svolsero numerose battaglie. Di fronte si staglia la possente mole del Castello di Carrù, restaurato negli anni Ottanta, attuale sede della Banca Alpi Marittime. Con lo sguardo si spazia lungo un ampio panorama, fino alle colline delle Langhe e alle montagne del Monregalese. Subito sotto la ‘valle del Rivo’. Nella valle del Rivo, detta così dal nome del corso d’acqua che vi scorre, si può scorgere ciò che rimane del filatoio degli Alessi di Canosio, in cui avveniva la lavorazione della seta. La cappella di S.Giobbe, presente nel complesso dell’edificio, ribadisce la destinazione del luogo, poiché il santo era patrono dei lavoratori serici. La misurata architettura settecentesca, gli eleganti e raffinati stucchi fanno della cappella uno degli spazi carrucesi più interessanti, nonostante le preoccupanti condizioni di conservazione. In anni recenti il disegno dell’edificio è stato ricondotto all’ambiente di Filippo Nicolis di Robilant.

La committenza della famiglia Canosio, nel territorio carrucese, è rappresentata da vari luoghi interessanti, in particolare dalla Vigna, la villa settecentesca di svago e delizia, definita la “Casa delle Masche”, che sorge, proprio di fronte alla Battagliera, sulla collina della Preosa, dove si accamparono le truppe di Napoleone ed è visibile dalla Battagliera. Dalla “Battagliera”, guardando verso il Castello, sul lato destro sorge il quartiere “Canneto”, dove sono ubicati edifici un tempo destinati al servizio del Castello, come la Casa Citronera e la Ghiacciaia. Altri edifici, situati ancora oltre, erano proprietà dell’onnipresente famiglia degli Alessi di Canosio. Il ‘Fontanasso, di fronte al Castello, era un tempo un ampio spazio pubblico, chiamato anche piazza Sottana o piazza del Fontanasso, dove nel dicembre 1798 fu innalzato l’Albero della Libertà, simbolo della Rivoluzione francese. Così fino al 1813 la piazza si chiamò “della Libertà”. Successivamente lo spiazzo fu venduto dal Comune ai Costa-Trinità, che lo chiusero per ampliare il giardino del Castello; la Comunità lo vendette perché intanto era sorta ‘piazza Nuova’, parte dell’attuale piazza Perotti, al di là del ponte Soprano.

Comune di Carrù utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento