Palazzi Storici

Palazzo-Dimora Alessi di Canosio

Il palazzo Alessi di Canosio è composto da due edifici distinti e collegati da un passaggio aereo, che scavalca la via della Valle.
La presenza a Carrù degli Alessi è documentata fin dal XVII secolo. Gli Alessi, mercanti di bozzoli e seta, incrementano via-via la loro fortuna. All’inizio del Settecento le case in questione erano già di loro proprietà, come risulta dai testamenti della famiglia. Nel 1727 Giovanni Battista Alessi impiantò un Filatoio nella valle del Rivo sotto il Castello di Carrù, con il permesso del feudatario del luogo, l’illustrissimo conte Vittorio Amedeo della Trinità, poi Viceré di Sardegna. L’impianto del Filatoio si rivelò un’operazione più che azzeccata, che arrecò agli Alessi molto denaro e prestigio. Nell’arco di un ventennio la famiglia diventò una vera potenza economica nel paese e nel territorio circostante.
Giunse a controllare altri filatoi e ad acquistare un secondo importante ‘Mulino da seta’ a Fossano. Oltre alle proprietà terriere e immobiliari gli Alessi acquisirono nel 1747 il titolo di conti di Canosio. Il ramo fossanese della famiglia acquisì il titolo comitale di Moiola ed abitava il prestigioso palazzo già Baratta, in via Roma, oggi sede della Cassa di Risparmio di Fossano. A Carrù la figura centrale e caratterizzante della famiglia fu Paolo Felice di Canosio (1727-1800), figlio di Giovanni Battista.
Il palazzo carrucese degli Alessi, simbolica presenza di potere e prestigio, sorge su parte delle mura e delle fortificazioni medievali del concentrico, in prossimità del Castello, accanto alla Chiesa parrocchiale. Proprio per questa particolare posizione ha un aspetto spigoloso e bizzarro, ma riserva al suo interno saloni decorati di sorprendente carattere. Nel Settecento rappresentava la dimora più prestigiosa e “à la page” del concentrico carrucese.
La sistemazione dell’edificio nelle forme attuali è documentata agli anni 1758-60 e venne condotta dal pittore-scenografo Nicolao Dallamano, figlio di Giuseppe, che nel 1751 aveva dipinto la grande scenografia d’altare –mostra d’altare- nella Parrocchia. Bello il portoncino d’ingresso settecentesco, sormontato da un mascherone in pietra. Assai interessante l’atrio, dove in uno spazio esiguo le quadrature, le finte architetture, gli sfondati prospettici giocano un ruolo di ampliamento illusorio. Nei vari ambienti delicati motivi floreali, ramages, alternati ad esuberanti architetture dipinte, si accostano a scene tratte dalla mitologia: gli Dei dell’Olimpo, il carro di Diana, Venere e putti diventano presenze “domestiche” all’interno del palazzo più esclusivo della Carrù del Settecento. Alcuni soffitti sono impreziositi da cassettoni lignei dipinti. Nella camera dell’alcova le decorazioni pittoriche si alternavano a motivi in stucco dorato. Nell’Ottocento gli Alessi di Canosio, che possedevano anche un altro palazzo nel Borgo Santa Lucia, si trasferirono nel grandioso palazzo di via dei Morelli, accanto alla sede del Municipio di Carrù.

Comune di Carrù utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento