Chiese

La Cappella di Bordino

La cappella in frazione Bordino di Carrù risalente alla metà del '700 presenta una semplice pianta ad aula, absidata, intervallata lungo le pareti da lesene e chiusa da un soffitto con voltine a crociera . Alla cappella è collegata la sacrestia e la scala che porta in un locale destinato, in passato, a stanza di ritrovo per i fedeli. All'interno della chiesa sono conservate alcune opere, tra le quali una rappresentazione della Via Crucis. Sulla parete destra entrando, sono disposte in due gruppi seguendo la convenzionale numerazione progressiva della Via Crucis, 14 stampe raffiguranti le stazioni della passione di Cristo: si tratta di una produzione francese dei primi anni dell'800... Si può osservare anche una preziosa tela ad olio, conservata in una teca blindata e protetta da un vetro, che raffigura Santa Cecilia all'organo circondata da angeli e putti musicanti, firmata “Carlo Alessandro Macagno, invè a Torino, 1667”Con molta probabilità la tela fu donata alla cappella dalla famiglia Lubatti. I Lubatti, appartenevano ad una nobile stirpe carrucese, proprietaria di un palazzo nel centro del paese e di molte terre nella campagna circostante. Un altro quadro rilevante, collocato all’altare maggiore, è quello dedicato alla Madonna della Neve, patrona di Bordino, dipinta nel 1745 da Cristino Martini: rappresenta la Madonna col Bambino in braccio circondata da angeli nella parte alta e da San Giovanni Evangelista e San Grato Vescovo di Aosta nell'area inferiore. Su tela venne fatta una finta copertura a drappeggio, durante il restauro del 1849, in occasione del primo centenario della chiesa. All'esterno dell'edificio si può osservare il campanile sorto nel 1933 e suddiviso in tre comparti: l'orologio meccanico, quello mediano per la campana e quello più in alto per i meccanismi che muovono l'orologio. Il campanile riprende lo stile e le decorazioni della cappella. I residenti della frazione continuano, nel tempo, a prendersi cura della cappella e, ogni anno, la prima domenica di agosto festeggiano la “Madonna della Neve”, con la celebrazione della Santa Messa.

Comune di Carrù utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento