Chiese

Cappella di Frave

La chiesa è dedicate alla VISITAZIONE DI MARIA, ricorda il fatto che la cugina di Maria, Elisabetta, aspettava un bimbo ed ella andò da lei per portarle un aiuto. Elisabetta la salutò dicendole: “Benedetta fra tutte le donne e benedetto il frutto del tuo grembo”: Maria le rispose con un inno di lode a Dio grande e misericordioso, il Magnificat. (Vangelo di Luca capitolo 1° versetti 39/56): La costruzione fu eretta con: mattoni, pietre, calce, sabbia, legno e ferro. Non vi sono notizie certe sulla sua origine.
Il primo documento datato, che si conserva, risale al 1664. Si tratta di una protesta dei frazionisti contro l’amministrazione comunale di Carrù in difesa del cappellano. C’è poi un resoconto dei Massari che risale al 1674. Nel 1702 fu costruito il portico, un utile riparo per i viandanti e i poveri, ce a volte vi trascorrevano anche la notte. Sotto di esso, ai lati del portone d’ingresso, due finestrini dai quali i fedeli, che per vari motivi non potevano entrare in chiesa, seguivano la celebrazione della Santa Messa. Nel 1937 venne decorato l’interno della cappella e fu fatta la cornice per inquadrare l’icona dell’altare che raffigura appunto la visione di Maria SS a Santa Elisabetta. Il quadro è decorato, tutto intorno, con affreschi in stile barocco.
Risale al 1765 un lungo inventario inerente ai mobili, agli ornamenti e alle reliquie, che sono conservate nella sacrestia in una bacheca di noce massiccia. Tra le reliquie, in un bel reliquiario, c’è quella di San Defendente. Del 1788 è l’inventario dei paramenti: la cappella ne era abbondantemente fornita. Il 13 giugno 1838 l’arciprete di Carrù benedisse la nuova campana che rappresentava il coronamento di un lungo impegno da parte degli abitanti della frazione, tendente ad ottenere una chiesa decorosa e un servizio religioso continuativo.

Quest’ultimo fu garantito fin dal 1970 da un cappellano residente nella casa canonica attigua alla cappella stessa. Fino a trent’anni fa la festa della Visitazione di Maria, era celebrata il 2 luglio, ma in Frave continua ad essere celebrata il primo sabato e la prima domenica di luglio. Al sabato sera gli abitanti della zona festeggiano; consumano la cena nel vicino ristorante e cantano durante e dopo il pasto. Il giorno seguente, cioè la prima domenica di luglio, tutti in chiesa, al mattino, per la Santa Messa. Seguono un rinfresco e la benedizione delle macchine. Il tutto organizzato dai frazionisti, che si preoccupano anche di tenere pulita e ordinata la cappella nel corso dell’anno. Nella borgata il 2 gennaio c’è un’altra festa quella in onore di San Defendente che, secondo la tradizione, era un ufficiale dell’esercito romano – legione Tebea – come San Magno e San Maurizio.

Comune di Carrù utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento