Palazzi Storici

Palazzo del Comune

L’edificio che ospita la sede Comunale è stato costruito nella seconda metà del Settecento. Apparteneva alla famiglia Ghigliossi, che in paese svolgeva incarichi amministrativi ed aveva interessi economici legati al commercio della seta a Carrù e a Mondovì. Un ramo della stessa famiglia fu infeudato della contea di Leime. Dopo il periodo francese il palazzo passò in diverse mani, probabilmente per speculazione immobiliare; tra i suoi proprietari figurarono gli Alessi di Canosio e i Reyneri i quali nel 1844 lo cedono al Comune che vi stabilisce la propria sede, l’archivio, le carceri ed aule scolastiche.
Sino allora la sede comunale era ospitata nel piccolo edificio adiacente la Confraternita di San Giovanni Decollato in via Ramezzana, attuale via Roma. Al primo piano del palazzo è interessante la decorazione del Salone di Giunta, riconducibile agli anni trenta dell’Ottocento, probabilmente commissionata da un membro della famiglia Reyneri. In questa composizione, di gusto tardo impero, spiccano per deciso carattere ramages, sfingi, fiori e altri motivi naturalistici. Il gusto di questa decorazione si riallaccia alla grande decorazione condotta negli stessi anni all’interno delle sale del Castello carrucese dei conti Costa.
Nel salone ottocentesco del Consiglio Comunale la volta è stata decorata da Luigi Borra, poliedrico artista carrucese, tra la fine dell’Ottocento e il primo Novecento. Al centro del soffitto campeggia un’aquila con lo scudo sabaudo e ai lati sono riprodotti gli stemmi di Carrù e dei comuni limitrofi Clavesana, Magliano Alpi e Piozzo. Interessante lo scalone, riferibile alla seconda metà del XVIII secolo, caratterizzato da una sobria decorazione a stucco.
Comune di Carrù utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento