Chiese e Confraternite

Casa Canonica e Piazzetta dietro la Chiesa Parrocchiale

La Casa canonica è un palazzotto sistemato tra settecento e ottocento su preesistenze, che conserva al suo interno interessanti soffitti voltati e decorati e cassettoni lignei dipinti. Vero gioiello il ‘salone’ a testimonianza di un gusto riferibile alla seconda metà del ‘700: è un ambiente originale in tutte le sue componenti, porte, camino in marmo, decorazioni parietali trompe l’oeil, sovrapporte dipinte con scene di marine e porti, un soffitto a cassettoni lignei decorati; sul camino lo stemma dell’arciprete Occelli, che fu parroco del paese tra la fine del settecento e il primo ottocento. La facciata presenta una sobria architettura caratterizzata da occhi ciechi, posti in alto sotto il cornicione dell’edificio; il portoncino d’accesso è di primo ‘800. Nell’area dietro la Chiesa parrocchiale sorgeva il vecchio cimitero del paese, che venne utilizzato dalla popolazione fino all’epoca napoleonica; in seguito all’editto di St.Cloud, venne spostato fuori le mura nell’attuale sede. Nel sito in cui oggi si trova la Casa del parrocchiano era ubicata l’antica chiesa della Confraternita di S.Sebastiano, documentata fin dai primi anni del Cinquecento. Minacciando rovina, nella seconda metà del settecento la chiesa della confraternita venne spostata nella nuova sede (attuale chiesa dei Battuti Bianchi disegnata da Filippo di Robilant). Nella parte sottostante il cimitero e la chiesa della Confraternita correvano le mura di cinta del paese: via della Valle ne ripercorre l’antico tracciato.

Comune di Carrù utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento